Torri in Sabina (RI)
Via Porta Ternana, 7

+39 0765/602764
info@casariposotorri.it

– Comunicato Stampa – Nomina CdA ASP “Opera Pia Ospedale San Giovanni Battista”

Comunicato Stampa ASP Opera Pia Torri in Sabina – Nomina CDA (22 Settembre 2021)

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, in data 16 Settembre 2021, ha firmato il Decreto n. T00178 di Nomina del Consiglio di Amministrazione della Azienda di Servizi alla Persona (ASP) “Opera Pia Ospedale San Giovanni Battista” con sede in Torri in Sabina (RI).

Il CdA sarà così composto: 

  • Settimio Bernocchi – Presidente
  • Tiziana Serena – Consigliere
  • Michela Tempobuono – Consigliere

Con questo atto ufficiale si conclude l’iter di trasformazione della ASP (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) di Torri in Sabina – che gestisce una Casa di Riposo molto rinomata in Provincia di Rieti – insediando un CdA con pieni poteri operativi e funzionali, dopo anni di commissariamento dell’Ente.

Per l’Opera Pia di Torri in Sabina, con la sua forte identità storica e territoriale e per le importanti attività sociali e assistenziali svolte negli anni,  la nomina di un CdA  composto da membri provenienti dal territorio, ognuno in possesso di una consolidata e specifica esperienza professionale, è una grande opportunità e un forte riconoscimento per Torri in Sabina e per la Comunità locale.

In particolare, la scelta del Presidente Settimio Bernocchi, per la sua riconosciuta esperienza professionale e manageriale,  dopo gli anni da Commissario Straordinario e la scrupolosa gestione dell’Ente in periodo di pandemia da COVID-19 (con zero casi  di contagio tra gli anziani ospiti), è un riconoscimento per il lavoro svolto e per i risultati ottenuti, che consente di dare continuità operativa alla gestione dell’Ente offrendo garanzia per il difficile lavoro che dovrà intraprendere il CdA.

Analogamente, la scelta dei consiglieri Tiziana Serena e Michela Tempobuono, con le loro specifiche esperienze personali e professionali, rispettivamente in ambito amministrativo pubblico e sanitario, sono una oculata scelta di indirizzo operativo per la crescita futura della ASP.

La ASP di Torri in Sabina, essendo unica in ambito territoriale come Ente regionale di riferimento per la Provincia di Rieti, avrà l’importante ruolo di potenziare e integrare i servizi già presenti, sviluppando e attuando le nuove indicazioni regionali, in stretta collaborazione con la ASL locale, con i Distretti Sanitari provinciali e con i singoli Comuni, con un ruolo strategico per il tessuto sociale del territorio e punto di riferimento per la Comunità.

Pertanto il mandato che prende in carico il CdA è di grande responsabilità, per la valorizzazione del patrimonio e dei beni dell’Ente, per l’individuazione di nuovi modelli di gestione diretta e condivisa e con il preciso scopo di ottenere  un miglioramento della vita sociale degli utenti, come indicato dal piano regionale.

Forte soddisfazione è espressa dal Sindaco di Torri in Sabina Michele Concezzi, per le nuove opportunità sociali e assistenziali che vedranno direttamente coinvolta la ASP Opera Pia.  Un forte apprezzamento è da lui rivolto verso i massimi livelli della Regione Lazio, in particolare il Presidente Nicola Zingaretti ed il Capo dell’Ufficio di Gabinetto Albino Ruberti, per aver pienamente accolto le indicazioni da lui portate a tutela dell’identità storica dell’antica Opera Pia, con il preciso scopo di sostenere la nomina di un CdA non politico, ma con forti connotazioni territoriali ed esperienza tecnico-operativa e professionale.

Un ringraziamento particolare è rivolto dal Sindaco al Consigliere Regionale Fabio Refrigeri che, nel rappresentare il nostro territorio, ha fortemente sostenuto tale nomina in ambito regionale, con l’Assessore alle Politiche Sociali e Welfare, nella Commissione Consiliare e con la Direzione Regionale per l’Inclusione Sociale.

Il mandato del CDA avrà la durata di 5 anni, nel corso dei quali dovranno essere attuate le indicazioni della Regione Lazio con gli importanti elementi innovativi portati dalla Riforma regionale di riordino del Sistema Socio-Assistenziale, per la piena attuazione del nuovo Piano Sociale Regionale.

 

 

Join the conversation